Tutti contro uno

Certe cose bisogne dirle, almeno al giorno d’oggi. Sempre e a prescindere. Dobbiamo dire ad esempio che Salvini è sempre dalla parte del torto, come lo era Berlusconi oppure Renzi fino all’altro ieri. È obbligatorio. In caso contrario si diventa berlusconiani, o razzisti, fascisti, finti sinistroidi, insomma dipende dal personaggio in questione.

Bisogna dire certe cose perché almeno tutti gli altri, molti dei quali si trincerano dietro muri di finta obiettività, saranno felici. Gli antagonisti, gli estremisti del “Contro-Salvini” sempre e comunque sono i primi oltranzisti, poi però se la ribaltano a loro piacimento, in maniera talmente bizzarra che c’è da ridere.

Moderati che perdono il lume della ragione e si scagliano inferociti su un uomo. Predicano sensibilità e buon senso e poi parlano in maniera più netta del Matteo a tinte verdi. Senza giudizio critico, una ondata contro qualunque cosa il ministro dica perché lui, sbaglia sempre, perché la politica si fa così ormai. Si critica gli altri di fare politica da bar, politica da social media, e poi si vomita tutto contro uno.

Perché “quello” non può dire una cosa giusta, “perché io sono anche moderato, però con lui non ce la faccio proprio”. La politica si è ridotta così anche per il modo in cui la gente ne parla: ma i benpensanti di questo non se ne rendono conto, pensano che andare contro il bersaglio di turno sia il modo migliore per sentirsi persone più giuste e andare a letto in pace, con la coscienza pulita.

Quei moderati che però si trasformano in ottusi, pontificando a priori su qualcuno. Avete ragione voi, che non sapete più tenere in piedi una conversazione perché improvvisamente per colpa di un personaggio andate giù di testa.

Si giudica solo la figura, non più idee e proposte, la politica è questa, e le conversazioni di politica sono la normale conseguenza di tutto ciò. Questa roba però non mi appartiene, non contate su di me.

Tutti contro unoultima modifica: 2018-09-17T15:36:24+02:00da matteociofi
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.
I campi obbligatori sono contrassegnati *